PAZYRYK 
Orientali o nomadi, contemporanei o antichi,
si possono trovare da "Pazyryk"
Quando il tappeto diventa opera d'arte
Per rendere ancor più personale la casa
Da umile e caldo giaciglio usato dalle popolazioni nomadi dell'Asia
centrale, ad affascinante simbolo di nobiltà, sfarzo e sacralita'
per le regge e i palazzi di re e imperatori. Forse nessun oggetto
come il tappeto orientale, ha subito nel tempo una metamorfosi cosi
netta, definitiva. Alzi la mano chi, almeno per una volta, non sia
rimasto affascinato, davanti ad una vetrina, dalla bellezza
struggente di queste autentiche opere d'arte che ci arrivano dal
Oriente.
Non e' da trascurare l'investimento economico che si può fare
scegliendo un tappeto antico aumenta ancor piu' col tempo il suo
valore e puo' fare bella mostra nel salone di casa.
E poi sfatiamo il luogo comune che il tappeo persiano costa troppo.
Certo, ha il suo prezzo, ma se lo si acquista da chi lo importa
direttamente, riesce ad avere cifre decisamente interessanti.
Pazyryk, via Fratelli Calandra 7, importa direttamente tappeti
persiani, orientali, triboli. Nel suo accogliente negozio si possono
scegliere anche tappeti antichi di rara bellezza. "Tra le tecniche
ed arti antiche, forse la più antica è il filo incrociato, intrecciato,
annodato. Senza il filo non esisterebbe neppure la civiltà. E nella
tecnica e arte del filo l'oggetto e' più bello è proprio il tappeto".
Una visione interessante che esprime il signor Jafari, titolare di
Pazyryk, che la capacità di instaurare con i propri clienti un
approccio etnico culturale che permette al pubblico di apprezzare
tutta una serie di informazioni su ciò che sta acquistando. E' un
vero "colpo di fulmine" quello che spesse volte si instaura tra
l'acquirente ed il tappeto, perché è arte viva quella che accompagna
questi magici oggetti d'arredamento. I modelli, i disegni, le
grandezze, i prezzi sono diversificati per questo scegliere diventa
ancor più semplice.
Serieta' e garanzia caratterizzano questo negozio che segue il cliente,
in altri servizi, come i lavaggi ed i restauri che devono
assolutamente essere effettuati da chi è davvero competente.

Estratto da: La Repubblica - 8 Dicembre 1998

Torna indietroTorna indietro